facebook
twitter

MERZ SPEZIAL NEWS


Gli effetti del freddo sulla pelle: come proteggerla

Il freddo non è un amico della pelle: d’inverno l’epidermide è maggiormente soggetta a secchezza, irritazione, arrossamento e screpolatura.

Se non curata con la dovuta attenzione la pelle diventa sempre più sensibile ed aumentano i segni dell’invecchiamento cutaneo.

La pelle del viso e delle mani è quella maggiormente a rischio, perché quella più esposta agli agenti atmosferici: al freddo, così come ai raggi ultravioletti (si, ci sono anche d’inverno!) e soprattutto agli sbalzi termici.

Da freddo esterno, si passa in maniera repentina al caldo in casa o in ufficio; quando si hanno le mani fredde, quale sollevo più grande che metterle sotto l’acqua calda o poggiarle sul termosifone acceso? Tutto questo non giova alla pelle, anzi. Lo sbalzo termico è forse la cosa peggiore.

Quali sono gli effetti del freddo sulla pelle? 

Le basse temperature provocano un restringimento dei vasi capillari, il che rallenta l’apporto di sangue e di ossigeno alla pelle, che diventa più sottile e sensibile. 

Con il freddo diminuiscono anche le protezioni dell’epidermide contro gli agenti aggressivi, perché si ha un’alterazione del film idrolipidico, la barriera superficiale della cute formata da acqua e grasso, che protegge la cute anche dalla disidratazione.

Lo sbalzo termico provoca in genere un arrossamento della pelle, perché passando da un ambiente freddo ad uno caldo i capillari si dilatano improvvisamente, al volto affluisce una maggiore quantità di sangue e le guance dio conseguenza si arrossano.

Questo, nel tempo, può però portare i capillari a perdere elasticità e rimanere dilatata o in modo permanente o rompersi, causando un inestetismo della pelle conosciuto come couperose.

La vasocostrizione dei capillari insieme alla perdita del film idrolipidico porta a secchezza della pelle, perdita di elasticità, screpolatura e desquamazione superficiale. 

Il minor afflusso di sangue determina anche un minor apporto di nutrienti, per cui la pelle rallenta i suoi processi metabolici compresa la produzione di collagene ed elastina, due proteine fondamentali per il mantenimento del tono e dell’elasticità della pelle.

Come proteggere la pelle dagli effetti del freddo?

La prima regola è quella di utilizzare creme giorno adeguate, che aiutino a mantenere o rinforzare il film idrolipidico superficiale.

Le creme giorno devono avere anche un fattore protettivo perché anche in inverno è importante proteggere la pelle dai raggi ultravioletti.

I prodotti che aiutano a mantenere lo strato idrolipidico superficiale in genere contengono oli e burri vegetali, come ad esempio, glicerina vegetale, olio di cocco, burro di karité oppure olio di mandorle dolci.

Sono consigliate anche creme a base di collagene, che contribuisce a rinnovare le cellule dell’epidermide e a mantenerne l’elasticità migliorando la condizione di secchezza della pelle.

Sempre utili sono gli antiossidanti, sia nelle creme che nell’alimentazione, di modo tale da nutrire la pelle anche dall’interno.

Vitamina C e vitamina A, presente nelle creme sotto forma di retinolo, aiutano entrambe a migliorare la bellezza e la salute cutanea.

La vitamina C è un antiossidante che stimola anche la produzione di collagene. Oltre ad essere un ingrediente dimolte creme viso, si trova in natura in molti cibi tra cui gli agrumi, le verdura a foglia verde, pomodori e peperoni.

Per contrastare gli effetti del freddo invernale, è utile quindi mettere in tavola arance, pompelmi, limoni, mandarini, cavoli, rucola, spinaci ed utilizzare peperoncini rossi come spezia, ricchissimi di vitamina C.

La vitamina A si può assumere tramite tutti quegli ortaggi di colore giallo arancio. Oltre alle carote, in inverno essa si trova in abbondanza nella zucca e nel cavolo arancione.

Un’altra vitamina per la bellezza della pelle è la vitamina E, un vero e proprio “spazzino” di radicali liberi, molecole che portano ad invecchiamento cellulare. 

La vitamina E si trova nella frutta secca a guscio, nei semi oleosi e nell’olio extravergine di oliva.

Oltre a contrastare la secchezza della pelle, queste vitamine aiutano anche a prevenire l’insorgenza delle rughe.

In caso di pelle molto secca, è utile assumere queste “vitamine di bellezza” tramite integratori alimentari.

Merz Spezial Dragees contiene vitamine A, C ed E, oltre che a vitamine del gruppo B, ferro, zinco e gli amminoacidi solforati metionina e cisteina.

È un integratore a tripla azione: esso agisce migliorando salute e bellezza della pelle, ma anche dei capelli e delle unghie.

Una parte degli ingredienti contenuti nella compressa di Merz Spezial Dragees protegge e contribuisce a migliorare il sistema capillare periferico, e questo ottimizza la veicolazione dei principi attivi nei tre target biologici: derma, bulbi piliferi e cellule della matrice ungueale. 

L'efficacia di Merz Spezial Dragees è stata testata clinicamente e si basa sull'interazione complementare dei principi attivi con il complesso poli-vitaminico che si comporta da Veicolatore Tissutale e contribuisce ad ottimizzare le quantità di principio attivo veicolato nel supplemento dietetico.

 

 

scritto il 01/12/2017 da redazione in notizie
tag cambio di stagione, vitamina C, vitamina A, ferro, vitamine B, pelle, integratore


« Torna alle notizie
3er Combination Merz Spezial Dragees

Source: MERZ SPEZIAL
URL: news/index.php
[Stand: 15.03.2012, 15:23 Uhr]

© 2012, Merz Pharma GmbH